Il problema costituzionale dell’attuazione dei diritti sociali

Palavras-chave: attuazione dei diritti costituzionali, diritti sociali, bilancio

Resumo

L’articolo si interroga sul problema dell’attuazione dei diritti costituzionali, e in particolare dei diritti sociali, nel quadro di una costituzione pluralista. Considerando i diritti costituzionali vincoli all’esercizio dei pubblici poteri – in quanto contenuto del patto costituente, prima ancora che per via della loro collocazione gerarchica –, si argomenta che, pur nell’ambito della loro discrezionalità politica, i pubblici poteri stessi hanno il dovere di realizzare interventi volti all’attuazione dei diritti (e di astenersi dal compiere interventi ostativi alla loro attuazione). Ciò vale anche per la decisione di bilancio, che deve rispettare le priorità costituzionali, privilegiando le «spese costituzionalmente vincolate» rispetto alle «spese costituzionalmente facoltative» (ed evitare le «spese costituzionalmente vietate»). In vista del raggiungimento di questo obiettivo, si suggerisce la configurazione di vincoli, costituzionalmente giustiziabili, non di ma al bilancio, vale a dire in favore della destinazione di risorse certe agli interventi pubblici volti a dare concretezza al contenuto minimo dei diritti costituzionali.

Biografia do Autor

Francesco Pallante, Università di Torino

Professor de Direito Constitucional da Universidade de Turim, Itália. Autor de: Il neoistituzionalismo nel pensiero giuridico contemporaneo (Jovene, 2008) e Per scelta o per destino? La Costituzione tra individuo e comunità (Giappichelli, 2018).

Publicado
2018-12-13
Como Citar
Pallante, F. (2018). Il problema costituzionale dell’attuazione dei diritti sociali. DESC - Direito, Economia E Sociedade Contemporânea, 1(1), 70-82. https://doi.org/10.33389/desc.v1n1.2018.p70-82